La verità che libera  

E S E M P I   D I   F E R I T E   E M O Z I O N A L I

   Le "esternazioni" che potrete ascoltare in questa sezione del sito si verificano durante riunioni in cui si invoca la presenza dello Spirito Santo, perché investighi le profondità del nostro cuore e porti in superficie tutte le ferite emozionali che hanno bloccato il nostro sviluppo e condizionano ancora oggi i nostri comportamenti, ancorandoci ad una visione egocentrica della vita e impedendoci di amare così come Dio ci invita a fare.

   Il ricordo di avvenimenti sepolti, unito alla manifestazione dei sentimenti percepiti allora (dolore, delusione, rifiuto, inferiorità, paura, rabbia, ecc.), serve per renderci coscienti di quanto alberga nella nostra anima, per comprendere in maniera più chiara la ragione per cui reagiamo quasi sempre nello stesso modo in certe situazioni della vita, per essere convinti di peccato, capire quale sia l'attitudine corretta e invocare il Signore per essere cambiati a sua immagine, liberandoci dal sentimento ferito che ci opprime l'anima e apre una porta all'azione nascosta e insistente del Maligno (per es. il vittimismo, l'autocommiserazione, la scarsa stima di sé, uno stare sempre sulla difensiva, il sentirsi oggetto di continue ingiustizie, di scarsa considerazione, ecc.

 La ferita dell'handicap fisico             Competizione con la sorella             Scarso valor proprio

 Perfezionismo e paura autorità             La morte della mamma             Senso di rifiuto dal padre 1

 Senso di rifiuto dal padre 2             Rabbia verso la mamma             La paura di sbagliare

 Rabbia verso il padre             Rifiuto verso il patrigno             Senso di abbandono e rifiuto

Violenza carnale             Solo e sempre rimproveri             Esisto anch'io!

Perfezionismo imposto             La mamma assente             Ubbidire per sentirsi accettati

Dimostrare di valere             Ansia per la correzione             Angoscia da peccato mortale

 Il piacere di mangiare             Ansia per l'abbandono             Signore, come hai potuto?

Mamma, lasciami vivere             Senso di colpa verso la madre